Milano, chi sono i quattro poliziotti che hanno picchiato la donna trans? VIDEO

Cosa è successo a Milano? Chi è la donna trans manganellata dai poliziotti che si vede nel video divenuto virale?

Il video dei quattro poliziotti che hanno aggredito la donna trans a Milano ha fatto ormai il giro del web; nella giornata di ieri, infatti, la breve clip ha inorridito chiunque. Cosa è successo? Le versioni sulla storia sono ancora discordanti, ma ovviamente l’accaduto è in mano al PM Tiziana Siciliano, che si occuperà di capire realmente le dinamiche della vicenda.

Leggi anche: Benevento, lancia gatto in una scarpata: chi è il ragazzo del video di Raffaella Mennoia?

Da ieri – 24 maggio 2023 – non si parla d’altro che dei quattro poliziotti hanno immobilizzato e usato violenza con i manganelli contro una donna disarmata. L’evento – e il video – hanno scatenato lapreoccupazione nell’opinione pubblica. In questo articolo, esamineremo i dettagli di quanto accaduto e l’indagine interna avviata dalla polizia locale di Milano.

Cosa è successo a Milano alla donna trans?

Un video che si è diffuso rapidamente sui social media mostra la scena di un’azione di polizia che coinvolge una donna transessuale nella zona della Bocconi, a Milano. Le immagini mostrano l’uso di taser e manganelli da parte di quattro poliziotti, mentre la donna completamente disarmata viene fermata e colpita. La polizia locale di Milano ha immediatamente avviato un’indagine interna per stabilire la dinamica dei fatti e individuare le responsabilità degli agenti coinvolti.

La Procura di Milano ha preso in carico il caso dopo la diffusione del video amatoriale. Il procuratore aggiunto Laura Pedio e il procuratore Marcello Viola sono stati informati dell’accaduto, e si prevede che sia aperto un fascicolo di indagine per approfondire l’episodio. L’obiettivo sarà quello di fare luce sugli avvenimenti e accertare violazioni e\o abusi da parte degli agenti coinvolti. ⁦

Il video

Di seguito il video: ricordiamo che le immagini sono estremamente delicate ed esplicite e non indicate a un pubblico impressionabile.

Chi è la donna trans aggredita a Milano?

Non sono state riportate informazioni dai media in merito all’identità della donna trans aggredita. L’unica informazione resa nota è che si tratta di una donna trans di origini brasiliane di 41 anni. Nella giornata di ieri, poi, anche il programma di Rai Tre, Chi L’ha Visto si è occupato del caso; di seguito le parole della conduttrice Federica Sciarelli:

Chi sono i quattro poliziotti?

Dopo quanto accaduto a Milano, è immediatamente partita un’indagine seguita dalla PM Tiziana Siciliano; la donna avrà il compito di chiarire quanto successo. Secondo le prime ricostruzioni, i quattro poliziotti sono intervenuti in Via Giocosa dopo la segnalazione di diversi cittadini che lamentavano il comportamento illecito della donna trans: questa, stando alle dichiarazioni dei presenti, urlava contro i passanti minacciandoli di “attaccare loro l’AIDS”; alcune informazioni su quanto emerso, poi, riportano che la persona diretta interessata si è calata i pantaloni di fronte ad alcuni bambini, mostrando loro le parti intime.

Alcuni abitanti della zona, successivamente, hanno dichiarato di conoscere bene la donna trans manganellata dai quattro poliziotti; la diretta interessata soffrirebbe di qualche disturbo mentale poiché – stando a quanto dichiarato – si trovi spesso in strada a parlare da sola. Nella giornata di ieri, non appena sono arrivati gli agenti sul posto, la 41enne brasiliana è stata portata via dall’ambulanza, ma all’altezza di Via Castelbargo, sempre a Milano, ha avuto luogo l’aggressione con tentativo di fuga da parte della donna trans.

A questo punto, dunque, è stata aggredita con spray al peperoncino e colpi di manganello. I quattro poliziotti coinvolti nella violenza hanno immediatamente risposto alle accuse di chi punta il dito contro le loro intenzioni, basandosi solamente su un video divenuto virale. Nella relazione presentata in serata hanno ricostruito i fatti.

La difesa

Stando a quanto si apprende dalla relazione disciplinare; la donna trans che si vede nel video – con precedenti penali che risalgono al 2010 – avrebbe iniziato ad aggredire i poliziotti non appena fatta salire sulla volante. Inizialmente la persona arrestata avrebbe morso la sua stessa mano fino a farla sanguinare e poi a avrebbe cominciato a “sputare minacciando di avere l’Aids”. Su Via Castelbarco avrebbe poi finto un malore, dopo aver preso a calci i poliziotti e tentato la fuga.

Nella relazione presentata dagli agenti, poi, viene riportata anche una frase detta dalla donna trans; questa però non è stata ripresa nel video divenuto virale. La donna avrebbe detto: “Voi due non arrivate vivi a stasera, io sono pazza”. La Procura, comunque, ha aperto un’indagine immediatamente, affidandola alla PM Tiziana Siciliano: al momento, i poliziotti protagonisti di questa oscura vicenda sono stati tolti dalla strada e destinati a lavori di ufficio. Nella giornata di oggi saranno ascoltati dai PM, mentre i sindacati gridano allo scandalo: “Sono già stati condannati ed è una vergogna”.

Seguici su Instagram