2 '  
Categorie Programmi TV

Flavio Insinna a rischio? L’Eredità lascia il posto a…

Un vero e proprio terremoto si sta abbattendo sulla Rai: secondo indiscrezioni, Flavio Insinna, attualmente conduttore de L’Eredità, potrebbe ritrovarsi senza lavoro. Il perché è presto detto: il programma potrebbe andare in soffitta per qualche tempo. Ecco chi prenderebbe il suo posto.

L’Eredità tolta dai palinsesti?

Tempi di grandi cambiamenti in casa Rai. Da quanto riportato da Dagospia, pare che L’Eredità si prenderà un periodo di riposo: a settembre, dunque, dopo la consueta pausa estiva, potrebbe non andare più in onda e lasciare spazio a Reazione a catena, che quindi proseguirebbe oltre l’estate. L’Eredità, infatti, dovrebbe tornare in video a partire da gennaio 2020.

Tuttavia, il destino di Flavio Insinna sarebbe a rischio a prescindere dal programma: il conduttore, infatti, non è confermato alla conduzione dello show. Quindi, qualsiasi cosa dovesse accadere al preserale, lui potrebbe essere sostituito a prescindere. Chi prenderà il suo posto? 

Marco Liorni a Reazione a catena?

Intanto, si discute anche su chi possa essere il nuovo conduttore di Reazione a catena, il game show che va in onda tutte le estati su Raiuno, da fine maggio sino a metà settembre. Non si sa ancora se il programma proseguirà fino a gennaio, ma quel che è certo è che a condurlo non sarà di nuovo Gabriele Corsi del Trio Medusa. Il conduttore, infatti, non avrebbe convinto pienamente il pubblico. Al suo posto, pare dovrebbe arrivare Marco Liorni.

Insomma, periodo di grandi cambiamenti a Viale Mazzini, le carte stanno per essere rimescolate e le certezze sui nuovi palinsesti sono ben poche. Una fra tutte, la riconferma di Mara Venier. Per il resto, è bene che tutti i conduttori Rai inizino a tremare, perché il destino di molti di loro è incerto. Quelli che rischiano di più? Caterina Balivo con il suo Vieni da me, Elisa Isoardi con La prova del cuoco, Francesca Fialdini con La vita in diretta, Cristina Parodi con La prima volta. Si salvi chi può… 

Partecipa alla discussione...

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. Campi obbligatori*