Mogol

Mogol / ANSA: Fabio Frustaci

Mogol: vero nome, età, moglie e figli, canzoni, dove vive, malattia, Lucio Battisti, Instagram

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mogol è quel talento di uomo senza cui in mondo intero non avrebbe avuto alcuni dei capolavori che sono entrati a far parte a pieno titolo della storia musicale italiana. Conosciamolo meglio.

Leggi anche: Un’avventura, le canzoni di Mogol-Battisti rivivono in un film

Chi è Mogol?

Mogol non è soltanto un paroliere e un autore di canzoni e testi: a lui dobbiamo anche la scoperta di alcuni grandissimi talenti canori della musica italiana. Con le sue canzoni, da oltre 60 anni, ha fatto emozionare intere generazioni, sia di ieri, sia di oggi. Figlio d’arte, suo padre Mariano Rapetti è stato un dirigente della casa musicale Ricordi, dove Mogol ha mosso i suoi primi passi nel mondo della musica. Anche suo padre aveva uno pseudonimo: era conosciuto come Calibi, ha scritto numerose canzoni di successo come paroliere.

Mogol nella sua casa in Umbria / Foto: Famiglia Cristiana

Della serie buon sangue non mente, per cui quella di Mogol è storia di un successo annunciato, nella sua lunga carriera, Mogol ha lavorato fianco a fianco con tanti altri artisti, producendo per loro canzoni bellissime: Lucio Battisti, Marcella Bella, Mango, Adriano Celentano, Gianni Morandi, Patty Pravo, i Dik Dik, Little Tony, Bobby Solo, Caterina Caselli, Mina, Riccardo Cocciante, i New Trolls, Mia Martini, Eros Ramazzotti e parecchi altri.

Vero nome

Conosciuto come Mogol, all’anagrafe è Giulio Rapetti. Fu la SIAE nel 1959 a scegliere per lui lo pseudonimo artistico di Mogol: Giulio stesso aveva presentato una rosa di 120 nomi precedentemente inventati a caso e proposti alla Società. Oggi il nome Mogol è un pezzo di Storia della musica italiana.

Mogol e Simone Cristicchi / Foto: Music Fan Page

Età

Mogol ha 85 anni, è nato a Milano il 17 agosto 1936, sotto il segno zodiacale del Leone.

Moglie e figli

Serena De Pedrini è la giovane disegnatrice di moda sposata da Mogol nel gennaio 1961. Dal loro matrimonio sono nati tre figli: Mario, Alfredo (conosciuto anche su Instagram con il nome d’arte Cheope Mogol) e Carolina. Dopo la fine del legame con la prima moglie, l’autore ha avuto una relazione sentimentale con con la poetessa e pittrice Gabriella Marazzi, dalla quale ha avuto il suo quartogenito, Francesco. Oggi il paroliere è sposato con Daniela Gimmelli, la donna con cui vive nella sua grande tenuta.

Mogol e la moglie Daniela Gimmelli / Foto: Geo News

Canzoni

Non bastano gli spazi di una pagina di rivista, pur virtuali, per elencare e descrivere le canzoni di Mogol. Molto difficile scegliere tra i capolavori della sua musica dove ogni testo e ogni singola parola sono intrisi di arte e ispirazione fiori dall’ordinario. Ci limitiamo a citarne alcune, con la certezza nel cuore di dover sacrificare altre altrettanto significative e meravigliose!

  • Una lacrima sul viso – Bobby Solo, 1964
  • La canzone del sole – Lucio Battisti, 1971
  • E penso a te – Lucio Battisti, 1972
  • Il mio canto libero – Lucio Battisti, 1972
  • Un uomo da bruciare – Renato Zero, 1976
  • Amarsi un po’ – Lucio Battisti, 1977
  • Una donna per amico – Lucio Battisti, 1978
  • Celeste nostalgia – Riccardo Cocciante, 1982
  • Un nuovo amico – Mia Martini, 1982
  • Nell’ariaMarcella Bella, 1983
  • La mia nemica amatissima – Gianni Morandi, 1983
  • Mediterraneo – Mango, 1992
  • L’emozione non ha voce – Adriano Celentano, 1999
  • Avanti cosìEros Ramazzotti, 2018

Mogol con uno dei suoi grandi amici, Eros Ramazzotti / Foto: CET

E la lista potrebbe proseguire ma ci siamo fermati perché sono veramente moltissime le emozioni che partono dal profondo dell’anima nel riascoltare questi brani immensi.

Dove vive

Mogol vive in una residenza da sogno, ad Avigliano Umbro, in provincia di Terni. L’autore di Mediterraneo possiede un podere enorme all’interno del quale si trova la Tenuta dei Ciclamini, un relais residenziale alberghiero molto rinomato. I suoi possedimenti terrieri si estendono per circa 120 ettari e ci sono voluti 10 anni affinché la sua casa fosse finita perfettamente come la desiderava lui.

Parte della tenuta di Mogol ad Avigliano Umbro / Foto: The Way Magazine

Ha finanziato personalmente le zone del territorio umbro-laziale interessate alla riqualificazione del progetto, ispirato alle case antiche di una volta. All’interno della tenuta ci sono due laghi, un maneggio di cavalli, tanta natura e un immenso viale che collega le varie aree. Mogol stesso ha spiegato il perché di un’abitazione così enorme:

Scorcio de La Tenuta dei Ciclamini / Foto: The Way Magazine

Volevo costruire una vera e propria cittadella della cultura tra Roma e Firenze. Viaggiavo sempre in aereo ed in macchina. Poi ho deciso di fermarmi qui. Un luogo particolare che si intravede solo dalla piazza principale del paesino era quello che cercavo. A me non interessava la riservatezza ma semplicemente trovare un luogo da dove vedere il cambio delle stagioni , la fioritura delle piante e vivere immersi nella natura.

C.E.T.

Nel 1992 Mogol ha fondato nel comune di Avigliano Umbro, in provincia di Terni, il Centro Europeo di Toscolano (C.E.T.), un’associazione non-profit con lo scopo di essere una scuola per autori, musicisti e cantanti.

Con la cantante Levante al C.E.T. di Mogol / Foto: Avigliano News

Malattia

Nel 2019 Mogol ha attraversato un momento piuttosto delicato per la sua salute. Ha subito un’intervento chirurgico al cuore ed è riuscito a superare questa difficile sfida, con forza e tenacia, riprendendo in mano la sua vita. Questo è quanto racconta nel 2020 durante un’intervista a Pierluigi Diaco:

Bisogna imparare ad accettare il proprio destino, ciò che la vita ci riserva. L’anno scorso sono stato operato al cuore, con 4 bypass. Io ero sereno, ho capito quanto era importante accettare, equivale a pregare… Come sto? Sono sereno.

Nazionale Cantanti

Mogol ha dato vita alla Nazionale italiana cantanti, costituita nel 1975 assieme a Gianni Morandi, Paolo Mengoli e Claudio Baglioni, che disputa incontri a scopo benefico in tutta Italia, e con la quale ha disputato quasi 300 partite e segnato oltre 30 goal.

Mogol ripreso di spalle durante la 25esima Partita del Cuore allo Stadio Olimpico di Roma il 18 maggio 2018 / Foto: Sport Enjoy Proiect

Lucio Battisti

Nel 1965 Mogol ha conosciuto il giovane Lucio Battisti, all’epoca chitarrista de I campioni, e lo ha spinto ad intraprendere l’attività di cantante solista. È così che ha avuto inizio il prolifico sodalizio tra i due artisti, che ha portato alla luce alcuni dei capolavori più importanti della musica leggera italiana. La loro collaborazione si è conclusa nel 1980 ma i due non hanno mai rivelato il motivo.

Mogol e Lucio Battisti ai tempi del loro sodalizio artistico / Foto: CheDonna.it

Instagram

Mogol non ha un profilo Instagram. Se non vuoi perdere nessuna news o aggiornamento su questo e altro, puoi seguire DonnaPOP cliccando QUI.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Curiosa per natura e appassionata di musica e cinema: scrivo per diletto e insegno per professione.