lady diana come è morta

Lady D, tutto su Diana Spencer: età quando è morta, luogo e data di nascita, famiglia d’origine, genitori, fratelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lady D, scomparsa a 36 anni di età, prima di poter realizzare molti dei suoi progetti privati e pubblici, oggi avrebbe compiuto 60 anni. La forza del suo carisma è tale che, ventiquattro anni dopo averci lasciati, Diana Spencer è ancora viva nella memoria dei suoi cari e di quanti l’hanno conosciuta. Scopriamo chi era la principessa del Galles.

Leggi anche: Dodi Al-Fayed, chi era il compagno di Lady D quando è morta? Figli, padre, foto

Chi era Lady Diana?

Lady D è stata dal 1981 al 1996 moglie di Carlo, principe del Galles, erede al trono del Regno Unito. Dopo il divorzio dal coniuge, ha mantenuto il titolo di Principessa di Galles ma senza il trattamento di Altezza Reale, pur rimanendo membro ufficiale della famiglia reale come madre del futuro re. Tale fatto si verifica per la prima volta nella storia della famiglia reale britannica.

Il carisma di Lady D / Foto: Rai.it

Età quando è morta

La principessa Diana è morta all’età di 36 anni, vittima di un tremendo incidente stradale avvenuto nella notte del 31 agosto 1997 a Parigi, lasciando vuoto e sgomento in tutte le persone che l’hanno conosciuta e amata.

Luogo e data di nascita

Lady D è nata a Sandringham il 1º luglio 1961, sotto il segno zodiacale del Cancro.

Sandringham è noto particolarmente per la residenza reale di Sandringham House, una delle dimore più amate dalla regina Elisabetta II e da diversi suoi predecessori. Vicino alla residenza reale si trovano le scuderie che ospitano gran parte dei cavalli della regina d’Inghilterra.

Famiglia d’origine

Quella degli Spencer è una delle più antiche e importanti famiglie britanniche, strettamente connessa con la Famiglia Reale da diverse generazioni.

Genitori di Lady Diana

Diana Frances Spencer, conosciuta anche come Lady Diana o semplicemente Lady D è la quarta di cinque figli del Visconte e della Viscontessa Althorp (nata Frances Roche, poi Shand Kydd). Entrambi i genitori speravano in un figlio maschio che portasse avanti il nome della famiglia, per questo alla bambina non venne inizialmente dato un nome, fino a che, una settimana più tardi, non si decise per Diana Frances, in onore di un’antenata degli Spencer, Diana Russell, duchessa di Bedford, e della madre.

Lady D: lo splendore di una principessa / Foto: Il Mattino

Diana fu battezzata nella Chiesa di Santa Maria Maddalena.

Fratelli

Diana aveva due sorelle e due fratelli: Sarah, Jane, John e Charles. John morì dopo solo 10 ore dalla nascita. La morte del bambino e il desiderio di un ulteriore erede sconvolsero il matrimonio degli Spencer e Lady Althorp, la mamma di Lady Diana, fu mandata nella clinica di Harley Street a Londra per comprendere la causa del problema.

Il sorriso di una principessa amata da tutti / Foto: La Repubblica

L’incontro con il principe Carlo

Nel 1977 una giovanissima Diana Spencer incontra durante una battuta di caccia Carlo, il principe che allora frequentava sua sorella maggiore, Lady Sarah. L’erede al trono era quasi trentenne e già da tempo si trovava sotto pressione perché trovasse una giovane di buona famiglia e si sposasse. Nel novembre del 1978, dopo la rottura del fidanzamento con Sarah, Carlo invitò ugualmente lei e le sue sorelle per la festa dei suoi trent’anni a Buckingham Palace. Diana e Sarah vennero in seguito invitate dalla Regina a una settimana di caccia a Sandringham, nel gennaio del 1979.

Debutto a corte

Seguirono diversi inviti, sia da parte di Carlo, sia dalla famiglia Reale, al punto che con il passare dei mesi la stampa e il popolo si convinsero sempre più che sarebbe stata lei la futura sposa del principe di Galles. Finalmente, il 6 febbraio 1981, Carlo invitò Diana al castello di Windsor e le chiese di sposarlo. Lei accettò immediatamente, ma la notizia venne mantenuta segreta per oltre due settimane.

Diana e il principe Carlo / Foto: Il Sole 24 ore

Il 24 febbraio 1981 Buckingham Palace annunciò ufficialmente il loro fidanzamento. Dal catalogo della gioielleria Garrard & Co., Lady Diana scelse un anello in oro bianco con 14 diamanti disposti attorno a un grosso zaffiro di 12 carati, molto simile all’anello di fidanzamento della madre. Dal 2010 il gioiello è al dito della duchessa di Cambridge, moglie del primogenito di Diana, il principe William.

Lady D sposa il principe Carlo

Il matrimonio si svolse mercoledì 29 luglio 1981 nella Cattedrale di San Paolo a Londra, scelta perché offriva più posti a sedere rispetto all’Abbazia di Westminster, tradizionalmente usata per i matrimoni reali. Alla cerimonia parteciparono oltre 2.000 invitati, tra cui esponenti delle famiglie reali straniere e numerosi politici e diplomatici: l’Italia, in mancanza del presidente Sandro Pertini, venne rappresentata dall’allora presidente del Senato Amintore Fanfani.

21 luglio 1981 delle nozze tra Carlo principe di Galles e Lady Diana / Foto: immagine d’archivio Rai

Nozze da favola

Le nozze da favola furono trasmesse in mondovisione e seguite da oltre 750 milioni di persone, mentre furono 600.000 quelle che inondarono le strade di Londra per vedere la sposa durante il tragitto che l’avrebbe portata alla cattedrale. Lady Diana indossava un abito in taffetà e seta color avorio, adornato da pizzi antichi e con uno strascico lungo ben sette metri. All’altare, per l’emozione, invertì per errore i primi due nomi di Carlo, pronunciando Philip Charles invece che Charles Philip, e non espresse voto di obbedienza al marito, una scelta voluta da entrambi.

Luna di miele

Il principe e la nuova principessa di Galles trascorsero parte della loro luna di miele nella villa di proprietà della famiglia Mountbatten, nell’Hampshire, prima di volare a Gibilterra e imbarcarsi sul panfilo reale Britannia per una crociera attraverso il Mediterraneo. I neo sposi visitarono l’Egitto, la Tunisia, la Sardegna e la Grecia e terminarono il viaggio di nozze con un soggiorno nella tenuta di Balmoral, insieme con il resto della Famiglia Reale, prima di trasferirsi definitivamente nel loro appartamento di Kensington Palace e nella proprietà di Carlo vicino a Tetbury, Highgrove.

A Londra la coppia vive a Kensington Palace. Sei mesi dopo le nozze, Buckingham Palace annuncia che Diana è incinta: William nasce nel giugno 1982. Due anni dopo viene alla luce Harry. Le indiscrezioni future diranno che il matrimonio è infelice dall’inizio a tal punto che i due figli sarebbero il frutto dei due unici rapporti sessuali avvenuti fra marito e moglie.

Lady D danza con John Travolta a Palazzo Reale / Foto: The Today

Fine del un sogno di Lady D

L’unione Reale dura poco più di un decennio, nel corso del quale Carlo e Diana girano il mondo insieme in rappresentanza della Corona. Nel dicembre 1992, undici anni dopo le nozze, il primo ministro britannico John Major annuncia la separazione di Carlo e Diana. L’annuncio del premier inglese sottolinea come la fine di un amore da favola è una questione di stato: un futuro re separato non si è più visto dai tempi di Enrico VIII, che di mogli ne ebbe cinque.

Lady D e la regina Elisabetta in un rara immagine familiare dove entrambe le donne appaiono sorridenti insieme / Foto: Rai News

La storia racconta che le ex mogli dei re, Anna Bolena ne è una prova, non facevano una bella fine. Diana non farà eccezione. Lei rimane a Kensington Palace con i figli, Carlo si trasferisce a Clarence House, un piccolo maniero vicino a Buckingham Palace. Trentunenne, sola, finalmente autonoma, Lady D inizia così la sua terza vita: breve, a tratti felice, poi dolentissima e funesta. Viaggia senza sosta, conquistando tutti: diventata una donna matura, rivela il suo vero fascino, mostrandosi ancora ancora più bella di quando era una sposa ragazzina.

Carisma di Lady D

Lady D conquista con la sua personalità che finalmente emerge senza complessi: parla liberamente, dice ciò che pensa, come i membri della famiglia reale non fanno. Si dedica alla beneficenza, in particolare alla campagna per le vittime delle mine nei paesi in guerra. È una madre esemplare, amatissima da William e Harry. Diventa un’icona di stile, i grandi fashion designer la adorano e fanno a gara per regalarle i loro abiti firmati. Già messo in ombra da lei quando erano una coppia chiaramente in crisi, Carlo scompare al cospetto della nuova Diana libera e spregiudicata fino a fidanzarsi con il figlio di un miliardario egiziano, con la prospettiva di dare un fratellino musulmano al futuro sovrano William.

Lady Diana e il suo ultimo amore, Dodi Al Fayed / Foto: Dagospia

Un tremendo incidente

Nella calda serata parigina del 31 agosto 1997, appena uscita d’albergo a Parigi, Lady Diana sale in macchina con il fidanzato Dodi Al Fayed per quello che diventerà il loro ultimo viaggio. Pochi minuti dopo la Mercedes inseguita, come al solito, dai paparazzi sbanda e si infrange contro il tredicesimo pilastro della galleria sotto il Ponte de l’Alma a Parigi. Dodi e l’autista Henri Paul, che come si seppe poi aveva bevuto, muoiono sul colpo. Trevor Rees-Jones, la guardia del corpo, seduto sul sedile anteriore, l’unico ad avere la cintura di sicurezza allacciata, rimane gravemente ferito ma sopravvive. Trasportata ancora viva in ospedale, Lady D viene dichiarata morta due ore più tardi.

I figli di Lady D e il principe Carlo ai funerali dell’ex principessa / Foto: Elle

Sulle cause dell’incidente sono state formulate numerose ipotesi e portate avanti delle vere e proprie speculazioni mediatiche su un vasto complotto che vedrebbe i mandanti in alcuni membri della famiglia reale e attuatori i servizi segreti britannici.

Non perdere gli aggiornamenti di DonnaPOP sulla storia di Lady D e clicca QUI.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Curiosa per natura e appassionata di musica e cinema: scrivo per diletto e insegno per professione.