4 '  
Categorie Gossip

Vladimir Luxuria prende di petto Barbara D’Urso: botta e risposta

È della settimana scorsa l’increscioso avvenimento che ha coinvolto Vladimir Luxuria mentre era ospite da Barbara D’Urso nel salotto di Live – Non è la D’Urso. L’icona della comunità LGBT è stata pesantemente attaccata da Vittorio Sgarbi che, senza mezzi termini e come suo solito, ha apostrofato Luxuria perdendo la pazienza e ricordando i tempi in cui si prostituiva. Ieri, ospite di Domenica Live, Vladimir ha preso di petto la conduttrice che durante il brutale episodio si era limitata semplicemente a rimanere basita, senza quindi prendere le difese di nessuno. Ecco cosa è successo ieri.

Vladimir Luxuria dice alla D’Urso “Mi aspettavo una reazione più severa”

Le parole di Vladimir sono state chiare e decise:

Sarei dovuta essere qua a Domenica Live per fare il balletto di Cenerentola, ma non me la sono sentita. Ho deciso di venire qua per dire la mia su tutto quello che è successo a Live – Non è la d’Urso. Sono sincera: non mi sarei mai aspettata una reazione così da parte di Vittorio Sgarbi. Lo conosco da una vita, c’ho lavorato insieme, sono stata tantissime volte con lui. Ho conosciuto sua mamma, suo papà, sua sorella, c’era un grande rapporto di stima fra noi.

Dopodiché ha continuato:

Quando mi avete invitato a Live – Non è la d’Urso per parlare con Vittorio Sgarbi ho accettato, ma perché avrei dovuto dire che lo avevo conosciuto mentre mi prostituivo se non era vero? Purtroppo esistono degli uomini che credono che chiedere scusa sia poco virile. Secondo me quando Sgarbi ha capito di aver sbagliato con me, invece di dire «Scusa, ho sbagliato, ci siamo conosciuti in un altro contesto», ha reagito come ha reagito. Quello che lui ha detto in quella trasmissione non ha fatto male solo a me, ma a tutta la nostra comunità che si è sentita offesa da quelle parole. Puoi avere tutta la cultura di questo mondo, ma se non conosci il rispetto la tua conoscenza non serve a niente.

Ed ancora:

Quello scontro mi ha ricordato la mia infanzia quando io da sola venivo accerchiata da quelle persone nella piena indifferenza della gente. Però sono sincera, cara Barbara, ti dico che sentire gli applausi del pubblico e le risatine mi hanno fatto molto male. Ti dico anche che mi sarei aspettata da parte tua una reazione più immediata e più severa nei confronti di Vittorio Sgarbi, perché ti conosco e so della tua lotta contro l’omofobia ed in quel momento tu dovevi essere la Barbara che si arrabbia al Grande Fratello.

La reazione di Barbara D’Urso

La conduttrice ha poi voluto esprimere il suo parere in merito a questa situazione, scusandosi di non aver interpretato correttamente ciò che stava avvenendo; queste le sue parole:

Mi dispiace molto non aver colto la tua sofferenza di quel momento. A me Vittorio Sgarbi negli anni ha detto qualunque cosa, questo non lo giustifica. Io non ho colto che in quel momento tu fossi più fragile della Vladimir che conosco da anni. Tu non mi hai dato segnali, non ho colto la tua sofferenza. Mi dispiace. Non consento a nessuno di mettere una piccola o grande macchia sulla battaglia che io da 12 anni sto facendo contro l’omofobia. Mi sono scagliata contro il ministro Fontana, contro il ministro Salvini che è andato al Congresso delle Famiglie, sono andata dal ministro Renzi con i nastri arcobaleno a chiedere le Unioni Civili. Non consento a nessuno di buttare ombre sulla mia battaglia. Tante cose che ha detto Sgarbi neanche le ho sentite, ti hanno detto che ho riso delle battute omofobe? Non è vero.

Vladimir, dopo queste parole, ha completamente lasciato che le emozioni prendessero il sopravvento e insieme ad esse anche le lacrime:

Io sono una persona forte, ma davanti a tale volgarità sono stata male, non ho dormito la notte. È vero che sono forte, ma sono fatta di carne e certe cicatrici a volte ritornano. In quella situazione mi sono tornati un po’ di ricordi brutti della mia vita. Io fin quando Vittorio Sgarbi non mi chiederà scusa non sarò più in uno studio televisivo dove c’è anche lui.

E per finire, è arrivata la chiosa di Barbara D’Urso:

Hanno usato questo fatto per buttare schifo per quello che sto facendo sulla comunità LGBT e fomentarti. Io ogni giorno in ogni trasmissione che faccio ricevo giornalmente decine di email da parte di ragazzi e ragazze in cui mi ringraziano perché hanno trovato il coraggio di fare coming out. Continuerò a farlo: chiederò la legge contro l’omofobia ed il matrimonio egualitario.